Blog

RWANDA: I gorilla di montagna

L'incontro con i gorilla di montagna nel loro habitat naturale rimane certamente una esperienza indimenticabile. Questo scatto ne è la riprova in quanto il gorilla immortalato nella foto inizialmente era di spalle e non si era praticamente accorto del nostro arrivo, pur facendo parte di un gruppo abituato alla presenza dell'uomo. Avevo due macchine fotografiche: una tradizionale con rullino ed un'altra digitale. Ad un certo punto, non pensando alle conseguenze, essendo terminato il rullino, meccanicamente mettevo in funzione il meccanismo di riavvolgimento della pellicola.

ANTARTIDE: Ultima frontiera

Ci sono località veramente estreme nel mondo dove è percepibile la totale lontananza dal nostro vivere quotidiano. Vi sono, però, pochi luoghi sulla terra dove si percepisce la cosiddetta "ultima frontiera". Uno di questi è sicuramente l'Antartide. La prima sensazione si prova quando si lascia il porto di Ushuaia, la città più a sud del mondo.

Calendario 2017

"Viaggiare è fermare il tempo e conoscere meglio se stessi"

E' la Mauritania il soggetto del Calendario 2017 di Viaggi Senza Tempo. Nei dodici scatti dell'ultimo calendario troverete la sintesi di un viaggio in Africa tra splendidi paesaggi e scene di vita.

Puoi acquistare il Calendario cliccando sul pulsante sottostante.

SIRIA Palmira

Oggi 30.3.2016 su tutti i media di informazione è stata diffusa la notizia della riconquista del sito archeologico di Palmira con le foto dello scempio attuato dall'ISIS. Purtroppo è rimasto ben poco di questo posto magico in pieno deserto.
Vi è però una timida speranza: il restauro del sito. Pare che molte pietre siano rimaste in loco ed almeno per l'Arco di Adriano c'è forse la possibilità di vederlo "rinascere". Per il tempio la situazione sembra essere più critica.

MAURITANIA: Le foto che non ho scattato

Nel Parco Nazionale di Banc d'Arguin, come avete notato dalle foto pubblicate, il campo tendato fisso era praticamente sulla spiaggia. Un pomeriggio con la bassa marea alcuni di noi sono andati a fare un bagno nell'oceano mentre io sono rimasto a riva insieme ad un'altra compagna di viaggio. All'improvviso un banco di orate grandi tra i 30 e i 40 cm sono emerse dall'acqua tutte insieme tra lo stupore generale dei miei compagni e le loro urla di sorpresa (uno di loro è stato colpito ad una spalla da una delle orate). Uno spettacolo unico e certamente indimenticabile.

MAURITANIA: Il raggio verde

Il raggio verde è un fenomeno atmosferico che si verifica molto di rado quando il sole tramonta ed esattamente quando l'ultimo spicchio di sole scompare sotto l'orizzonte. Qualche volta i raggi solari radenti attraversano uno strato di aria più spesso venendo scomposti nei vari colori ed assumendo una colorazione verde.
Ci siamo accampati con tenda e sacco a pelo alle pendici di una duna di sabbia non lontano dalla linea ferroviaria che collega l'entroterra con la città di Nouadhibou ed abbiamo osservato il tramonto del sole approfittando dell'orizzonte completamente sgombro.

MAURITANIA: Terra di mezzo

Parafrasando una espressione usata da una famosa serie di film di fantasy, cerco di descrivervi le impressioni sulla Mauritania, meta del mio ultimo viaggio in Africa. E' un paese geograficamente collocato nella fascia sub-sahariana la cui caratteristica principale è quella di essere proprio in mezzo tra l'oceano ad occidente ed il sahara ad oriente.

Calendario 2016

Palmira è il soggetto del Calendario 2016 di Viaggi Senza Tempo. Ed è appunto un viaggio fuori dal tempo, quello proposto dal calendario, perché molte delle vestigia della città di Palmira, purtroppo, non esistono più.

Avendo avuto la fortuna - ed oserei dire - il privilegio di averle viste ed averle immortalate, mi è sembrato doveroso poter trasmettere a futura memoria questo pezzo di patrimonio dell'umanità andato distrutto a causa della barbarie umana.

Puoi acquistare il Calendario cliccando sul pulsante sottostante.

SIRIA Palmira

Oggi 6 ottobre 2015 è stata annunciata la distruzione a Palmira dell'Arco di Adriano del II secolo ad opera dell'ISIS.
Questo arco consentiva l'accesso al colonnato che delimitava l'arteria principale di Palmira ed era situato nel punto in cui la via effettuava il primo angolo. Infatti, il colonnato non era una via retta ma aveva due angolazioni per renderlo allineato con il tempio di Baal. Dall'arco monumentale al Tempio si creava quindi un vero e proprio piano triangolare di circa 30°.

SIRIA Palmira

Oggi 31 agosto 2015 molti quotidiani annunciano l'avvenuta distruzione da parte dell'Isis di parte o di tutto il sito archeologico di Palmira. Una notizia che certifica il fallimento del mondo occidentale nella gestione della crisi terroristica internazionale. Senza voler approfondire le ragioni di tanto odio dall'una e dall'altra parte è indubbio che ci troviamo in presenza della sconfitta dell'intera umanità.